Quali sono le cause del dolore all’anca?

L’anca è una macchina complessa.

L’anca è l’articolazione che sopporta il maggior carico meccanico quando camminiamo. Tutto funziona egregiamente finchè non c’è un danno: corriamo, camminiamo, ci sediamo con estrema naturalezza. Per ottenere questo movimento fluido, deve lavorare in perfetta armonia una macchina complessa costitutita da ossa, cartilagine, muscoli, legamenti e tendini.

Per sua stessa natura l’anca è un’articolazione molto stabile. Una sfera (testa femorale) all’estremità superiore dell’osso della coscia (femore) si innesta in una cavità articolare arrotondata o a forma di coppa (acetabolo) nel bacino. Fibre elastiche di tessuti chiamate legamenti formano una capsula che collega la sfera alla cavità, permettendo di tenere le ossa in posizione.
Uno strato di tessuti molli chiamato cartilagine riveste la superficie delle ossa, permettendo alla sfera di ruotare facilmente nelle cavità. Sacche contenenti liquido (borse) rivestono l’area in cui i muscoli o i tendini scivolano sulle ossa. La capsula che circonda l’articolazione è dotata di un rivestimento (sinovia) che secerne un liquido chiaro chiamato liquido sinoviale. Tale liquido lubrifica l’articolazione, riducendo l’attrito tra le parti ossee e agevolando il movimento.
Una lesione o una malattia possono danneggiare l’anca in molteplici modi, provocando rottura o deterioramento dell’osso, irritazione delle borse o usura della cartilagine. La causa più frequente di dolore all’anca è l’artrosi.

Tra le altre cause responsabili del dolore all’anca vi sono l’artrite reumatoide, l’osteoporosi, l’osteonecrosi (morte dell’osso causata da insufficiente irrorazione sanguigna), lesioni, infezioni e più raramente un tumore alle ossa.

L’artrosi dell’anca

La causa più comune di dolore all’anca è l’artrosi. L’artrosi è una malattia degenerativa delle articolazioni che provoca una degenerazione della cartilagine a livello articolare. Quando questo strato di cartilagine – che riveste le articolazioni e protegge la superficie delle ossa – è danneggiata o si assottiglia, le ossa sfregano le une contro le altre provocando dolore. Tale dolore si avverte camminando, quando ci si siede o addirittura quando ci si sdraia per dormire.

Tra i fattori che portano all’insorgenza e alla progressione dell’artosi rientrano l’invecchiamento, l’obesità, le lesioni articolari e una predisposizione familiare (genetica). Sebbene non esista una cura, la diagnosi e il trattamento precoce sono cruciali per rallentare o prevenire ulteriori danni alle articolazioni dell’anca.

Artrite reumatoide

Nell’artrite reumatoide si ha un’infiammazione della sinovia (il rivestimento dell’articolazione). Tale infiammazione provoca il rilascio di sostanze chimiche che danneggiano e aggrediscono la cartilagine e l’osso dell’articolazione. Da qui la causa di dolore e gonfiore.

La necrosi avascolare

Nella necrosi avascolare, l’apporto ematico alla parte sferica (testa femorale) viene interrotto e l’osso inizia a morire. In conseguenza di ciò la cartilagine circostante inizia a deteriorarsi, causando dolore e altri sintomi.

I trattamenti

Per alcuni i trattamenti non chirurgici, come i cambiamenti nello stile di vita, i farmaci e gli ausili per la deambulazione, aiutano ad alleviare il dolore. Per altri l’intervento di protesi dell’anca può essere l’unica soluzione a lungo termine. Insieme al medico sarà possibile valutare le opzioni di trattamento più indicate.

 

Quali sono le cause del dolore all’anca? ultima modifica: 2013-06-02T16:17:08+02:00 da Dott Lorenzo Castellani

Desideri richiedere una visita con il dottor Lorenzo Castellani?

Il dottor Lorenzo Castellani, Chirurgo Ortopedico

visita a Milano - Firenze - Empoli - Prato

Contattaci al numero

388 799 13 56

Tutti i giorni dalle 13 alle 16

Oppure se preferisci visita la pagina dei contatti e compila il nostro Form: ti ricontatteremo entro 48 ore per prenotare una visita

INIZIA A DIGITARE E PREMI INVIO PER CERCARE